♣ TEMPLATE IN ALLESTIMENTO... stay tuned ♣

18.10.11

Chi è il Fisiatra?

Il Fisiatra è un medico, laureato in medicina e chirurgia (6 anni), che ha conseguito il diploma di specializzazione in Medicina Fisica e Riabilitazione, frequentando un corso universitario post-laurea di altri 5 anni. La Medicina Fisica e Riabilitazione (Fisiatria) è una specialità medica autonoma, esistente in tutto il mondo, che si occupa del recupero delle funzioni fisiche e cognitive, delle attività incluso il comportamento, della partecipazione, inclusa la qualità della vita. E’ così responsabile della prevenzione,della diagnosi,del trattamento e della riabilitazione delle persone con condizioni mediche di disabilità per tutte le fascie di età.
Il Fisiatra lavora in ospedalee/o in ambulatorio ma segue il malato anche al domicilio. Ha un approccio olistico alle persone in stato acuto o cronico, con una particolare esperienza nel trattamento delle persone affette da problemi neurologici, muscoloscheletrici, urologici, cardiorespiratori, linfovascolari, amputazioni e disabilità dovute a dolore cronico e malattie oncologiche. I medici specialisti in Medicina Fisica e Riabilitazione usano specifici strumenti di classificazione ed effettuano trattamenti riguardanti interventi di tipo farmacologico e infiltrativo, di esercizio terapeutico e terapia fisica strumentale, di medicina manuale e di prevenzione e di educazione. Per via della loro preparazione globale essi possiedono i requisiti peressere responsabili delle attività del team riabilitativo multiprofessionale al fine di raggiungere il risultato finale ottimale. Quanto detto fin’ora è una delle definizioni più moderne della fisiatria e della figura del fisiatra che ho cercato di semplificare il più possibile, ma potrebbe tuttavia non essere sufficiente a far capire bene ad un non medico “che cosa fa un fisiatra”. Spesso mi viene chiesto da pazienti o purtroppo da colleghi “quando e perché rivolgermi al fisiatra?” o “è meglio rivolgersi a fisiatra o all’ortopedico? O addirittura “lei è medico o è fisioterapista?” e tante altre perplessità che non sto qui a raccontare. Secondo alcuni….vi è l’impressione che il fisiatra sia una figura inutile nel piano di trattamento e facilmente intercambiabile con uno specialista d’organo(neurologo,cardiologo,ortopedico, ecc) o addirittura con il fisioterapista. I pazienti vogliono e hanno bisogno di una ragione per farsi vedere da un fisiatra per la loro disabilità, siano esse il mal di schiena, un ictus, una mielolesione o un linfedema. Io mi limito a dire che chiunque può imparare a fare un’ infiltrazione epidurale o all’anca, ma non tutti possono prendersi cura di un paziente, facendo un’infiltrazione alla colonna o all’anca all’interno di un trattamento più completo che può comprendere la fisioterapia, gli esercizi, il rinforzo muscolare, i farmaci, la consulenza psicologica e tutta la gestione del paziente. Non tutti sono in grado di gestire un ictus al di là di scrivere “fare riabilitazione” e sperare che i fisioterapisti sappiano cosa fare. Come fisiatra versato in ambito muscoloscheletrico e sportivo ciò che mi rende ricercato e consultato non è che io do antinfiammatori meglio del medico di famiglia o del reumatologo o posso fare infiltrazioni e prescrivere fisioterapia, chiunque può farlo. Ciò che rende unici noi fisiatri è l’approccio che adottiamo per la cura del paziente. E’ importante sapere come, dove e quando fare un’infiltrazione, ma soprattutto è importante sapere “cosa fare per aiutare quel paziente”. Il Fisiatra non si occupa soltanto di curare la malattia che genera la menomazione, ma anche la causa e soprattutto le conseguenze che questa comporta. Il Fisiatra non è solo lo specialista che prescrive la fisioterapia e che coordina il team riabilitativo multidisciplinare nella gestione di patologie invalidanti come l’ictus, la sclerosi multipla, il linfedema, le diasbilità motorie infantile, le fratture ecc, ma è il solo medico che tratta personalmente il paziente in maniera intensiva fino al recupero dell'autonomia e che sa prevenire l'aggravamento dei suoi disturbi. Mi spiego meglio, facendo un esempio. Pensiamo ad un paziente affetto da lombosciatalgia persistente da ernia del disco o ad uno sportivo affetto da pubalgia Il Fisiatra è l’unica figura Medica che dopo aver fatto diagnosi e valutazione posturale, può trattare il paziente in prima persona, in ogni fase della terapia, dalla prescrizione farmacologia e di ortesi ai trattamenti infiltrativi (ozono,mesoterapia,agopuntura), manipolazioni vertebrali osteopatiche, terapie fisciche(onde d’urto ecc) fino alla rieducazone posturale ed ai consigli di ergonomia e delle attività da svolgere per evitare e prevenire ricadute. Infatti una volta risolta la fase critica, insegna al paziente come utilizzare al meglio il proprio corpo, correggendone il movimento e le posizioni al lavoro e nella vita quotidiana.

a cura del Dr. Francesco Forte

da Salus.it

Reazioni:

0 commenti esagitati e considerazioni varie:

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Best WordPress Themes