♣ TEMPLATE IN ALLESTIMENTO... stay tuned ♣

13.7.11

SONNAMBULI DEL SESSO!? LEGGETE QUA


Fonte INFORMAZIONE LIBERA - Di Ottavia Giustetti

Alle Molinette di Torino è stato registrato casualmente per la prima volta un episodio di sleepsex. Chi ne è colpito riferisce liti e imbarazzo in famiglia. I medici: "E' un disturbo del sonno e si può curare"

In fatto di sleepsex, il compimento di atti sessuali nel corso del sonno, la letteratura scientifica è zeppa di episodi che hanno suscitato pesante imbarazzo in famiglia fino a diventare vera e propria causa di divorzio. Negli Stati Uniti una donna in tribunale, spiegando i motivi per i quali intendeva lasciare il marito, ha raccontato che l'uomo aveva preso a russare durante i rapporti sessuali. Può certo apparire comico, ma non per chi lo vive. I medici infatti rivelano che questo tipo di problema che comunque colpisce fino al 2 per cento della popolazione, raramente viene riferito e rimane più spesso causa di liti e rancori tra le mura domestiche.

Alle Molinette, nel Centro di medicina del sonno diretto da Alessandro Cicolin, per la prima volta questo disturbo è stato registrato e documentato, tanto che l'episodio è divenuto oggetto di una pubblicazione scientifica per una importante rivista internazionale nel settore"Sleep machine". Una donna piemontese di 61 anni si è masturbata per alcuni minuti mentre era ricoverata presso il Night Hospital per un disturbo. Senza poi ricordare nulla. L'episodio viene descritto nello studio come la prima registrazione di un evento parasonnico di tipo sleepsex spontaneo in un soggetto con associato un disturbo del comportamento nel sonno Rem.

Non genera sonnolenza diurna e viene completamente dimenticato perché avviene in una fase del sonno che genera amnesia. Scatena una enorme difficoltà affrotnare il problema col partner che uqando se ne accorge resta interdetto e immagina chissà quali problemi. Come tutti gli episodi parasonnide ha il cosiddetto andamento a Cluster, periodi con cui si manifesta poi cessa per altri mesi e poi si può presentare. E' scatenato da una maggiore fragilità della stabilità del sonno. Ed è un episodio tipico di sonnambulismo, quando tutte le aree del cervello dovrebbero essere addormentate, se ne svegliano alcune legate esigenze primarie. Così c'è chi va a mangiare, chi va a fare la pipì - magari non nel bagno - qualcuno mette in atto comportamenti anche complessi come mettersi a cucinare o guidare l'automobile per chilometri.

"Si tratta di normali disturbi del sonno che possono essere curati anche solo modificando alcune abitudini alimentari o con dei farmaci - spiega Cicolin - si manifestano perché l'esigenza primaria in quel momento non è mitigata dalla forza di volontà, non ha nulla a che vedere con la stabilità della coppia come spesso invece si pensa. Di giorno quando si è svegli non ci si metterebbe mai a mangiare durante un funerale neppure se si ha molta fame perché tutte le aree associative del cervello dicono che non è un gesto appropriato. Se la lampadina della fame però si accende quando tutte le aree associative sono spente perché si sta dormendo, allora è invetabile che la persona scenda dal letto e vada a mangiare".

(13 luglio 2011)
Reazioni:

0 commenti esagitati e considerazioni varie:

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Best WordPress Themes