♣ TEMPLATE IN ALLESTIMENTO... stay tuned ♣

13.4.11

Sui banchi di Auchan pollo e maiale spacciati per cavallo

Frode alimentare al supermercato di corso Giulio Cesar

Frode alimentare al supermercato di corso Giulio Cesare

http://www3.lastampa.it/torino/sezioni/cronaca/articolo/lstp/397520/

L'Asl denuncia l’ipermercato:
si sospetta la frode

MARCO ACCOSSATO

torino

Tritata di pollo, bovino e maiale al posto della carne di cavallo. La procura - su segnalazione dell’Istituto zooprofilattico del Piemonte e dell’Asl To1 - indaga su una sospetta frode nel supermercato Auchan di corso Romania. In alcune confezioni di carne equina macinata in vendita nei banco-frigo (confezionata dalla macelleria interna) è stata trovata carne di bovino, avicola e di suino, ma nessuna traccia di cavallo. Sono stati eseguiti test in due differenti laboratori con tre metodiche diverse, e tutte le prove hanno dato il medesimo risultato. Presenza di carne equina? «Negativo». L’intera documentazione è stata trasmessa alla procura.

La prima confezione è stata prelevata l’1 aprile, dall’Istituto zooprofilattico del Piemonte, e affidata al Laboratorio per il controllo degli alimenti diretto dalla dottoressa Lucia Decastelli. Parte dei campioni del medesimo lotto sono stati analizzati anche dal gruppo coordinato dal dottor Pierluigi Acutis, specializzato in esame del Dna. Sono proprio questi test - più sofisticati di quelli che rilevano esclusivamente le proteine specifiche - ad aver individuato la presenza anche di maiale nella confezione che avrebbe dovuto contenere soltanto cavallo. Un secondo prelievo, effettuato dall’Asl To1, ha confermato l’esito dell’indagine di laboratorio compiuta dall’Istituto di via Bologna.

La dottoressa Maria Caramelli, direttore sanitario dell’Istituto zooprofilattico del Piemonte, conferma sia i prelievi sia la segnalazione inviata alla procura. Da mesi, ricorda la Caramelli, «l’Istituto di via Bologna è impegnato sul fronte della verifica della qualità e della tracciabilità dei prodotti destinati alle nostre tavole, e nella messa a punto di test in grado di rilevare eventuali frodi».

Sul caso Auchan sono diversi i punti ora da approfondire, in laboratorio come in procura. Il primo più di carattere commerciale: il prezzo della carne di cavallo è superiore a quella di bovino, di suino e a quella dei volatili in genere. Ma più che il risvolto economico della vicenda allarmano le possibili conseguenze sulla salute dei consumatori, a iniziare dal rischio allergia. «Molte persone - spiegano all’Istituto zooprofilattico - sono allergiche alla carne di volatile»: credendo di aver acquistato tritata di cavallo, i clienti di Auchan sarebbero insomma stati esposti a un pericolo. Inoltre, «mentre la tritata di cavallo è destinata a esser mangiata cruda, ingerire pollo crudo credendo si tratti di macinata di equino espone alla possibilità di essere infettati da uno o più batteri tipici del pollo: coli, salmonella ed campylobacter. Batteri - confermano allo Zooprofilattico - «che vengono eliminati solo con la cottura». La carne di cavallo non ha colesterolo, ha un basso contenuto di grassi, è ed ideale per la dieta contro la carenza di ferro.

C’è persino un risvolto etico dell’indagine: i musulmani che nell’ipermercato di corso Romania trovano da sempre un punto di riferimento potrebbero aver mangiato maiale convinti di nutrirsi in realtà di carne di cavallo.

marco.accossato(at)lastampa.it

GIVE THANX Roberto Tramarin

Reazioni:

0 commenti esagitati e considerazioni varie:

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Best WordPress Themes