♣ TEMPLATE IN ALLESTIMENTO... stay tuned ♣

5.2.11

ricetta siciliana - pasta con cavolfiore e mollica

Ingredienti per 4 persone:
1 cavolfiore non troppo grande
400 gr di pasta (tipo eliche o pennette ma anche con gli spaghetti è buonissima)
15 circa pomodorini datterini
1 cipolla
2 cucchiai di pinoli
2 cucchiai di uvetta passa
100 gr circa di “mollica” cioè pangrattato grossolano fatto in casa
Sale q.b.
Olio extra vergine d’oliva q.b.

Procedimento:
Innanzitutto nettate e lavate il cavolfiore dopo averlo diviso in cimette. Scottatelo in acqua bollente e salata finché non sarà appena tenero. Mettete l’uvetta passa a reidratarsi e lavarsi in acqua tiepida.
Mettete su fiamma non troppo vivace il pangrattato ad indorarsi con qualche filo di olio extra vergine d’oliva, facendo attenzione a non bruciarlo; quindi mettetelo da parte, pulite la padella con un strappo di carta da cucina e rimettetela sul fuoco. Fate rosolare la cipolla, unite i pinoli e l’uvetta (ben strizzata); quando la cipolla sarà tenera unite i pomodorini, dopo averli lavati e tagliati a cubetti.
Regolate di sale e fate cuocere per una decina di minuti, trascorso questo tempo unite le cimette di cavolfiore, di cui va conservata l’acqua di cottura per cuocere la pasta. Saltate il tutto per qualche altro minuto. Cuocete il formato di pasta che preferite, scolandola, come sempre, al dente, dopo aver conservato una tazza dell’acqua di cottura (ricca di amido e del sapore del cavolfiore). Riversate la pasta in padella e saltate su fiamma vivace, se risultasse troppo asciutta aggiungete la necessaria acqua di cottura. Come tocco finale, unite metà del pangrattato e mescolate bene prima di porzionare la pasta che andrà servita subito, accompagnata dal restante pangrattato presentato in una ciotolina.
Una squisita variante è passare la pasta a gratinare in forno, cospargendone la superficie, dopo averla messa in una teglia, con il pangrattato avanzato dalla fase di salto in padella, per formare una crosta croccante… è una delizia!

give thanc Jane Jane

Reazioni:

1 commenti esagitati e considerazioni varie:

Anonimo ha detto...

Cercavo questa versione giacchè avevo assaggiato questo piatto per la prima volta in un risto-bar, mi è talmente piaciuto che ho voluto realizzarlo a casa ( avevo trovato altre ricette similari ma senza il pomodoro....)

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Best WordPress Themes