♣ TEMPLATE IN ALLESTIMENTO... stay tuned ♣

22.12.10

donne italiane: pettegole e poco raffinate

Sulla scia dello tsunami mediatico scatenato dalle rivelazioni di Wikileaks su tutto il mondo politico, ecco che spunta tagliente una voce tutta femminile: “Molte persone nel mondo della diplomazia spettegolano e mettono in giro voci malevole. E sono soprattutto donne“.

Parlare dei fatti altrui, criticare, spifferare segreti, discutere del gossip più inutile, lamentarsi continuamente dei difetti degli altri, tutto questo viene chiamato spettegolare. Detta discutibile attività è notoriamente difetto femminile, sebbene gli uomini pettegoli siano in numero sempre crescente, con la differenza però che questi ultimi, quando lo sono, sono di una cattiveria inaudita. Ma questo è un altro discorso.

La signora che ha pronunciato le accuse di cui sopra alla rivista “A” (in edicola il 9 dicembre), a proposito delle indiscrezioni che stanno facendo traballare il mondo intero, si chiama Lila Castellaneta ed è nientepopodimeno che la moglie dell’ex-ambasciatore italiano a Washington Gianni Castellaneta (oggi presidente del consiglio di amministrazione di Sace S.p.A. e rappresentante del Governo italiano nel consiglio di amministrazione di Finmeccanica).

“Quando sei la moglie di un ambasciatore devi dimenticare la tua persona, non rappresenti più te stessa ma il tuo Paese e non puoi permetterti di comportarti come fossi a casa tua. Invece tante questo non se lo vogliono ficcare in testa. Dovrebbero imparare a tenere la bocca chiusa. Anche le funzionarie delle ambasciate mi sembravano poco consapevoli del loro ruolo. Ai ricevimenti le vedevo radunarsi tra loro a chiacchierare e sorseggiare drink”.

Il rimprovero di Lady Castellaneta, colei che del lusso, dell’eleganza e del Made in Italy ne ha fatto un vanto anche con un’interessante linea di scarpe-gioiello, non riguarda solo le donne che vivono nel mondo diplomatico delle ambasciate e dei consolati, ma le donne in generale.

“Le donne in carriera, le donne in politica, in diplomazia, ma anche le semplici impiegate di banca, le trovo tutte aggressive e di modi sgradevoli. Non sopporto più i loro comportamenti arroganti, la mancanza di rispetto. Mi sembra che le donne italiane abbiano perso femminilità. Sono diventate dei maschiacci. Manca una scuola di buone maniere. Dovrebbe crearla il ministero degli Esteri. Un corso sull’arte di vivere, l’arte di ricevere, come comportarsi in società”.

Benché sociologi statunitensi ritengano che il gossip liberi la mente dall’ansia, dallo stress e distenda, spettegolare è un atteggiamento per sé sbagliato e denota un tipo di donna estremamente stupido la quale non ha migliori argomenti se non sparlare e malignare, e sghignazza (perché non lo capisce) quando sente dire “la classe non è acqua”.

La scuola di buone maniere è una vecchia ottima idea che in verità dovrebbe estendersi a tutti i livelli ed in particolare a chi viene chiamato a rappresentarci. L’intelligenza, l’impegno, la serietà, l’educazione, la cortesia, il savoir-faire, la delicatezza, la gentilezza, la mai volgarità di tanti non è giusto vengano distrutti da donne piumate con zampe palmate. Ma come oramai abbiamo assodato la giustizia non è di questo mondo, figuriamoci di quello italiano.

Auguriamo a tutti coloro che sono consci di ciò di lasciare questo difetto a tutte quelle donne e quegli uomini che trovano il loro habitat naturale sul bordo della strada, ricordando – infine - che una persona si trova più a suo agio con chi non sputa veleno su tutti. Il tempo passato a spettegolare è fatto di acidità e negatività. Il tempo passato con persone genuine e gioiose è fatto di un’unica ricchezza.

Reazioni:

0 commenti esagitati e considerazioni varie:

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Best WordPress Themes