♣ TEMPLATE IN ALLESTIMENTO... stay tuned ♣

5.10.10

come scegliere la persona giusta o almeno smettere di scegliere quella sbagliata

Copertina del libroFatto apposta per me - Come scegliere la persona giusta o almeno smettere di scegliere quella sbagliata, di Edoardo Razzini è un libro utile e divertente al tempo stesso. Psichiatra e psicoterapeuta, Razzini ci spiega quali sono i meccanismi che ci spingono, senza che ce ne rendiamo conto, in relazioni senza futuro, sbagliate quando non addirittura pericolose.

Nelle tre parti in cui è suddiviso il volume, l’autore analizza I vari tipi di scelta (quelli che…sbagliano sapendo di sbagliare, hanno paura del rapporto, continuano a rivivere il passato eccetera); Luoghi e mezzi per ritrovarsi (i locali, la discoteca, internet, il posto di lavoro..); lo spirito del tempo (come nascevano e si sviluppavano un tempo le relazioni e cosa accade oggi).

Lo stile di Razzini è piacevole, il linguaggio chiaro e le modalità con cui ci spiega la sua teoria molto curiose e divertenti: spazia dalle storie dei suoi pazienti alle citazioni di film famosi, ai sondaggi proposti ai giovani, ai racconti degli amici, ai ricordi.


Se non temete di mettervi in discussione, potete lanciarvi in questa curiosa e illuminante lettura, da abbinare, magari, ad un romanzo sul tema come quello della Ingrosso. Certo, ora che ci penso, se dopo aver letto Razzini ci mettessimo ad analizzare le storie d’amore dei romanzi forse ci passerebbe la voglia di leggere, a causa di un feroce disincanto. Tuttavia, questa botta di senso di realtà potrebbe metterci sulla strada giusta per ritrovare il nostro personale ed agognato equilibrio.

La citazione:

In ogni scelta relazionale c’è una componente estetica più o meno consistente: al di là delle frasi di rito pronunciate spesso da qualche teledivo (”Non cerco una persona bella sul piano fisico, ma qualcuno che sia interessante, o intelligente o…”) l’aspetto esteriore, l’apparenza rappresentano il primo elemento sul quale ci si sofferma nel momento dell’incontro. Lo sguardo costituisce infatti (se escludiamo le relazioni virtuali) il primo strumento di conoscenza che coglie, cattura ed esamina le caratteristiche estetiche di chi ci troviamo di fronte […]


give thanx Elisa


Reazioni:

0 commenti esagitati e considerazioni varie:

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Best WordPress Themes