♣ TEMPLATE IN ALLESTIMENTO... stay tuned ♣

21.9.10

Benedetto XVI: un omofobo part-time

Sulla visita britannica del Papa vale la pena continuare a ragionare. Le proteste organizzate dalla comunità omosessuale contro il Pontefice, rappresentano solo uno dei tre elementi su cui secondo noi si deve riflettere.

Il secondo avvenimento sul quale vorremmo concentrarmi con voi riguarda un’intervista rilasciata da Peter Tatchell. Lo storico attivista omosessuale attraverso la Bbc ha chiesto di incontrare Benedetto XVI per chiedergli di persona di iniziare a collaborare con la polizia per processare i preti pedofili.

In Italia, che io mi ricordi, nessun rappresentante della comunità gay è stato intervistato dalla tv pubblica. La Rai quando in mezzo c’è il Papa si dimentica una basilare regola giornalistica e preferisce non presentare ai propri consumatori il contraddittorio che dovrebbe esserci sempre, anche a parti inverse.


Oltre che sulla professionalità dei giornalisti inglesi, impareggiabile se per sbaglio si guarda uno dei sei telegiornali più visti del nostro paese, con voi vorrei capire perché il Papa ha preferito non parlare, malgrado l’invito esplicito del primate anglicano Rowan Williams, delle coppie gay.

Fermo restando che ognuno, anche Benedetto XVI, deve essere libero di esprimere la propria opinione mi chiedo da cosa sia dettata questa autocensura. Parlando dell’accanimento della Chiesa Cattolica contro Eluana Englaro Luciana Littizzetto durante la prima puntata dell’Era Glaciale si chiese perché tale barbaria non fosse stata adottata dalle autorità ecclesiastiche anche nei confronti di altri malati terminali residenti all’estero. “È Papa anche lì” disse all’epoca la comica torinese.

Già è Papa anche lì ma solo in Italia si permette di intervenire nella vita pubblica del paese. Quando non è lui ad intromettersi nella vita del paese ci pensano gli altri a fare i suoi interessi. Il paragone fatto tra la Bbc e la Rai spiega bene questo divario.

Nessuno, noi per lo meno, pretendiamo che Benedetto XVI tuteli le coppie gay. Se crede che non siano unioni valide è giusto che lo pensi. Dopo la sua permanenza nel Regno Unito come cittadino chiedo il rispetto di regole condivise. Se all’estero intervistano un dissidente omosessuale allora che lo si faccia anche qui. Se all’estero il Papa sulle coppie di fatto preferisce autocensurarsi che lo faccia anche qui. Il Vaticano, forse è bene ricordarlo, fa Stato a parte.

Reazioni:

0 commenti esagitati e considerazioni varie:

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Best WordPress Themes