♣ TEMPLATE IN ALLESTIMENTO... stay tuned ♣

20.7.10

Cina: artisti finiscono in carcere


Wu Yuren (nella foto, la significativa opera Trap) è un artista cinese che ha appoggiato pubblicamente una protesta contro la speculazione edilizia lo scorso marzo. Yuren, autore di installazioni e fotografie, è stato incarcerato per quasi sei settimane dopo essere stato picchiato da agenti di polizia.

La moglie dell’artista, Karen Patterson, è una cittadina canadese e nei giorni scorsi ha deciso di discutere pubblicamente l’arresto del marito, in relazione all’opacità del sistema legale cinese. Il motivo dell’arresto è da legare all’attivismo di Yuren e alla sua leadership di un gruppo di artisti del distretto di Bejing, noto come 008, che ha lottato per difendere i propri spazi-studio.

Oggi Mr. Wu e altri artisti hanno spostato i loro studi a 798, il più grande quartiere delle arti di Pechino. La controversia con gli artisti aveva attirato molta attenzione nei media, in parte perché Ai Weiwei, artista molto influente e voce critica del Partito Comunista, si era unito alla protesta di strada e aveva inviato dei feed di Twitter, sensibilizzando l’opinione pubblica.

Ma la storia non finisce qui. Alcuni degli artisti della protesta, tra cui Mr. e Mr. Wu Ai, avevano firmato la Carta 08, un manifesto per la lbertà culturale, che chiede cambiamenti democratici ed è stato firmato da migliaia di cinesi. Liu Xiaobo, uno degli autori del manifesto, è stato condannato a 11 anni di carcere lo scorso dicembre.

Reazioni:

0 commenti esagitati e considerazioni varie:

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Best WordPress Themes