♣ TEMPLATE IN ALLESTIMENTO... stay tuned ♣

26.2.10

Google racconta: cosa piace agli uomini e alle donne in fatto di sesso

Spesso si spendono soldi e tempo dietro a ricerche sociologiche e indagini complicatissime, che utilizzano mezzi e metodi complessi, costosi, lenti… quando invece la risposta ad alcune domande è davvero alla portata di tutti. Ragazze, il più grande e realistico specchio della società odierna, non è la tv, non sono le statistiche, non sono le indagini: il più grande e realistico specchio della società odierna è la Rete. Internet, con le sue innumerevoli possibilità; Internet che senza volerlo, per la sola intrinseca definizione che le dà ragione di esistere, ci mostra chiaramente lati reconditi e nascosti di tutti noi, che lasciamo traccia a ogni nostro passaggio.

Sì perchè dietro a uno schermo, siamo tutti bravi a mostrare desideri e debolezze, perchè pensiamo di essere protetti dall’anonimato e dal fatto che nessun paio di occhi ci guardi in faccia, mentre ci confessiamo davanti al pc. E spesso è proprio così, rimaniamo anonimi, ma in fondo nomi, cognomi e codici fiscali, non sono mai serviti a fare indagini, statistiche e ricerche. Quindi la Rete in certi casi, si meriterebbe effettivamente il premio come migliore fonte sociologica dell’era contemporanea, poichè registra comportamenti, abitudini, gusti, desideri e antipatie di tutti noi.

Basta guardare lo screenshot postato da un ragazzo (nell’immagine), che si è accorto di questa caratteristica sociologica della Rete (che poi in casi come questo utilizza dei semplici algoritmi, senza chissà quali ragionamenti interpretativi); certo, ci vorrebbero degli studiosi per interpretare i numeri di questa particolare “statistica”, perchè come si vede anche nei commenti, ognuno vede i risultati in modo diverso.

Però ci sono risposte oggettive in queste immagini, risposte a domande talmente ovvie, che tutti ci poniamo in continuazione. E l’argomento è naturalmente il sesso; la declinazione naturalmente è l’eterno confronto fra uomini e donne, fra ciò che desiderano gli uni e ciò che vogliono le altre. Un argomento che viene fuori da solo, assolutamente da solo, soltanto digitando su Google poche lettere di una frase incompleta e che, per quanto mi riguarda, avrebbe potuto continuare in migliaia di modi diversi.

Eppure i risultati riguardano proprio il sesso, e questo qualcosa vorrà dire. Faccio un esempio: è bastato digitare su Google “alle donn” (e nient’altro) per veder apparire immediati risultati a tendina, che recitavano frasi tipo “alle donne piace il pene grosso”, “alle donne piace ingoiare”, “alle donne piace duro” , “alle donne piace essere toccate”(tutte cose più o meno condivisibili) fino a improbabili “alle donne piace il pene piccolo” o “alle donne piace il pene curvo”, curiose, ma evidentemente piuttosto cercate. E probabilmente cercate dai maschi: e sì, quelli che cercano conferme per scansare via insicurezze piuttosto comuni.

Poi c’è un altro significativo esempio: digitando soltanto “agli uo”, i risultati a tendina sono stati “agli uomini piace depilata”, “agli uomini piacciono le stronze”, “agli uomini piacciono le vergini”, “agli uomini piace la cellulite” (wow!!!), “agli uomini piace il seno piccolo”(ariwow!!), “agli uomini piace il seno grande”, etc, etc. Una scansione rapida ed efficace sullo spaccato dei desideri maschili, che forse ci può dare un’idea di quel che spesso gli uomini pensano negli angolo reconditi (e forse nemmeno poi tanto) del loro cervello (sessuale).

Le cifre che riportano il numero dei risultati corrispondenti per ciascuna ricerca effettuata su Google, ci regalano poi un quadro completo: appare chiaro ad esempio che sono gli uomini a cercare maggiori conferme su ciò che piace sessualmente alle donne in Rete, rispetto alla popolazione femminile; ma ci sono altri fattori oggettivi: alle donne piace più il pene grande di quello duro (attenzione agli errori di valutazione ragazze: il pene può anche essere bello grosso, ma se non funziona, ci fate ben poco!), mentre agli uomini piacciono più le stronze che le vergini. Certe volte la Rete ci regala davvero perle rare, come queste. Che spasso!


Reazioni:

3 commenti esagitati e considerazioni varie:

Zagor ha detto...

mah, al di là della risata che è naturale, non mi sembra un'analisi troppo condivisibile.. un vecchio commento diceva che se togliessero il porno da internet rimarrebbe solo un sito con su scritto "aridatece er porno!" :D intanto verrebbe da dire che la considerazione va limitata all'Italia (le parole cercate sono in italiano), e aggiungo che un risultato come letto qui rivela un sacco di insicuri, che di certo non rappresentano la totalità dei fruitori di internet.. se uno ha bisogno di chiedere alla rete cosa piaccia al(la) partner, è messo male.. e credo che alla fine non sia più di tanto rappresentativo della popolazione.. questo per dire che la validità sociologica della cosa non la tirerei in ballo..cmq, grasse risate :D

bloggyeb ha detto...

big g inizia a perdere colpi, mi sa.

Anonimo ha detto...

quello che stavo cercando, grazie

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Best WordPress Themes