♣ TEMPLATE IN ALLESTIMENTO... stay tuned ♣

11.12.09

cima alla genovese

Non credo che la cima alla genovese sia esattamente un piatto che viene portato in tavola a Natale, anche perché va consumato freddo, a differenza di altre pietanze della tradizione ligure.

Nulla ci vieta, però, di imparare a prepararla e concepirla come un’alternativa al solito arrosto o al solito piatto di carne ripiena importante e impegnativa che di solito accompagna il pranzo del 25 in attesa di dolci e regali.

Cosa vi occorre: 1 tasca di carne, 1 fetta di pane ammollata in acqua, 1 etto di prosciutto cotto o mortadella tritata, 1 uovo, 3 cucchiai di parmigiano grattugiato, aglio e prezzemolo tritati insieme, poco sale, 1 cipolla, 1 carota, sedano q.b., filo da cucina per cucire.

Come si prepara: impastate il ripieno con le mani unendo il pane con il prosciutto, l’uovo intero, il parmigiano, l’aglio e il prezzemolo. Con quel che avrete ottenuto riempite la tasca, spingendo il ripieno fino in fondo. Chiudete l’apertura cucendo con filo grosso da cucina. Bollite la tasca in abbondante acqua con la cipolla, la carota e il sedano per un’ora, quindi scolatela e chiudetela tra due piatti mettetevi un peso sopra in modo che aderisca bene. Servitela fredda tagliata a fettine.



give thanx Mariolino


Reazioni:

1 commenti esagitati e considerazioni varie:

Sandra ha detto...

ummm... buonissima... e da noi ( o mglio in quel di solero ) si chiama: titeina! ottima anche tiepida!!!

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Best WordPress Themes