♣ TEMPLATE IN ALLESTIMENTO... stay tuned ♣

5.11.09

5 miti da sfatare sul corpo delle donne

Le ricerche storiche hanno sempre posto l’attenzione sugli uomini in particolare. Come esempio a testimonianza di ciò, le donne sono sotto-rappresentate nei maggiori casi clinici di cancro che affliggono entrambi i sessi. I ricercatori che hanno effettuato questa ricerca hanno riferito che molti fattori potrebbero essere responsabili, dalla questione riguardante la maternità alla riluttanza da parte dei ricercatori di esporre le donne in stato di gravidanza a prove di droghe e trattamenti. In altre aree, dove le ricerche sui problemi medici delle donne mancano, la questione non parla solo di sessismo. Le fluttuazioni degli ormoni delle donne sono complicati e possono confondere i risultati di base. Tuttavia negli ultimi anni, le donne hanno ritrovato maggiore attenzione da parte della scienza, ma tuttora c’è molta disinformazione sul corpo delle donne per colpa di una tradizione molto poco aggiornata.

1° Mito – Un donna non può rimanere incinta durante il periodo mestruale
Una volta dentro la donna, lo sperma può aspettare l’uovo per oltre una settimana. Aaron Carroll dell’Università dell’Indiana e coautore di “Don’t Swallow Your Gum: Myths, Half-truths and Outright Lies About Your Body and Health” spiega che l’ovulazione può avvenire subito dopo, o anche durante la fase delle
perdite di sangue, dando così allo sperma paziente una chance di fecondare l’uovo.

2° Mito – La menopausa provoca la caduta libera del sesso
Questo cambiamento non è necessariamente l’unico che accade in camera da letto. Un sondaggio condotto da Edward Laumann sulle abitudini sessuali degli americani ha dimostrato che pressappoco la metà delle donne di circa 50 anni facevano sesso più volte al mese senza problemi. Finché le vampate di calore e altri disturbi possono rendere le donne temporaneamente non in vena di sesso, ma non c’è un legame diretto tra
menopausa e desiderio sessuale.

3° Mito – Gli antibiotici annullano gli effetti della pillola
“Molti medici pensano ancora questo”, ha detto Aaron Carroll.
La pillola fallisce meno dell’1%. Una possibile eccezione è il Rifampin, l’antibiotico prescritto per la tubercolosi, poiché abbassa il livello di ormone che ci protegge dalla gravidanza, tuttavia il rischio di rimanere incinta è comunque molto basso.

4° Mito – Le donne e gli uomini hanno bisogno delle stesse ore di sonno
Nelle donne girarsi e rigirarsi nel letto non causa solo angoscia psicologica ma aumenta anche i livelli di infiammazioni e insulina, fattori di rischio che possono compromettere la salute. Tale risultato è emerso in uno studio del 2008 condotto da Edward Suarez della Duke University su 210 persone. L’anno precedente, invece, uno studio effettuato dell’Università di Warwick su 6000 partecipanti ha riscontrato che le donne che dormono cinque o meno ore a notte sono soggette due volte di più a ipertensione rispetto a chi ne dorme sette o oltre. Tra gli uomini, invece, non è emersa una differenza sostanziale.


5° Mito – Un dottore può dire se una donna è vergine
Anche se si utilizzasse un ingrandimento di 10 volte, i dottori non possono distinguere con precisione una vergine da una donna sessualmente attiva: non è così semplice cercare l’apertura dell’imene perché c’è sempre un buco nell’imene (tranne casi patologici). “In molti pensano che l’imene chiuda la vagina fino alla
perdita di verginità, ma non è del tutto vero”, affermano la dottoressa Rachel Vreeman dell’Università dell’Indiana e lo stesso Carroll.

Reazioni:

3 commenti esagitati e considerazioni varie:

Elisa ha detto...

bravi grande articolo

Sandra ha detto...

si concordo bravi!

verdiana ha detto...

hey il mio tatuaggio!

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Best WordPress Themes