♣ TEMPLATE IN ALLESTIMENTO... stay tuned ♣

23.10.09

rimedi per lo stomaco in fiamme

Chi nella vita non ha mai avuto mal di stomaco alzi la mano... Il mal di stomaco è un sintomo generico, diffusissimo, che può essere associato a diverse patologie: dalle più serie, come ulcera e gastrite e malattia da reflusso, alle più lievi, come ad esempio la pirosi.

Il reflusso gastroesofageo è, in pratica, la risalita nell’esofago, cioè nel tubo che porta il cibo dalla bocca allo stomaco, del contenuto acido dello stomaco stesso. La causa risiede nella cattiva chiusura dell’anello muscolare che divide l’esofago dallo stomaco. Uno o più episodi di reflusso possono capitare a tutti, anche alle persone sane, e generalmente non hanno conseguenze né provocano disturbi particolari. Si parla, invece, di vera e propria malattia quando il numero dei reflussi e la quantità del materiale refluito procurano fastidiosi e persistenti disturbi o, peggio, lesioni all’esofago.

La pirosi è la classica conseguenza del reflusso, ma può insorgere anche per cattiva digestione, in seguito all’ingestione di alimenti irritanti o farmaci particolari o, ancora, a causa di forte stress. In pratica, è il cosiddetto bruciore. Il dolore, in realtà, non è localizzato nello stomaco ma nell’esofago: la mucosa che ne riveste le pareti, infatti, non è in grado di difendersi adeguatamente dalla risalita dell’acido. Se frequenti, reflusso e bruciore sono un campanello d’allarme che non va trascurato. Il consiglio è quello di farsi vedere da un gastroenterologo, che andrà alla ricerca delle cause del problema.

Se sporadici, invece, possono essere d’aiuto farmaci come antiacidi di tipo tampone, antisecretori e procinetici. Se preferiamo soluzioni più naturali rispetto a quelle medicinali, la scelta dovrà cadere sul magnesio idrossido e su tutti quegli estratti fitoterapici benefici per la digestione come menta piperita, liquirizia, finocchio, camomilla e mirtillo nero: tutte erbe officinali che equilibrano il pH e aiutano lo stomaco a svolgere tranquillamente la sua funzione, alleviando gli effetti di irregolarità alimentari e stress, perché mangiare sia sempre un piacere!

Se presi nelle dosi indicate, gli integratori alimentari a base di magnesio idrossido (rimedio antichissimo) non provocano effetti collaterali; in dosi eccessive, invece, il magnesio diventa un potente lassativo.In tutti i casi, comunque, sarà opportuno modificare le proprie abitudini alimentari, e dunque fare pasti piccoli e frequenti, masticare a lungo, distendersi almeno un’ora dopo l’ultimo pasto, non fumare, non bere alcolici, evitare alimenti acidi come gli agrumi e ricchi di spezie o fritti, bere almeno un litro e mezzo di acqua non gassata, lontano dai pasti.



give thanx POT&Sandrino

Reazioni:

0 commenti esagitati e considerazioni varie:

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Best WordPress Themes