♣ TEMPLATE IN ALLESTIMENTO... stay tuned ♣

31.10.09

NOTIZIA COSI’ INCREDIBILE CHE IN ITALA NON FA’ NEANCHE NOTIZIA… Il Governo Indiano traduce antichi testi scritti in sascrito e fa saltare oltre2OOO..

Un bellissimo articolo su La Stampa che potrebbe far capire agli occidentali quanto fa schifo, sia la nostra cultura, che la nostra ladrura… Infatti, molti farmaci prodotti dalle nostre Amatissime case farmaceutiche sono basati su proprietà di piante, radici ed erbe naturali, in barba ad ogni rispetto territoriale. Le proprietà di questi prodotti naturali vengono sfruttate per produrre farmaci che poi le multinazionali del settore vendono a prezzi più o meno stratosferici. Quindi, a parte il fatto che spesso questi principi vengono isolati dal loro contesto e riprodotti con procedimenti di sintesi, annullandone o alterandone gli effetti benefici, il peggio è che queste multinazionali hanno pensato bene, nel corso degli anni di porre addirittura un brevetto sulle suddette proprietà, rivendicandone l’esclusivo e infame utilizzo. Due di queste “ magiche” piante sono la Curcuma e il Neem.

Ma da ieri il governo Indiano, dopo dieci anni di lavoro e dopo aver speso oltre 5 milioni di euro, è riuscito a presentare la traduzione di antichi testi, originariamente in sanscrito, in cui si dimostra che i principi terapeutici in questione sono a conoscenza del popolo Indiano da molto prima che esistesse anche solo la medicina europea.

In questo modo, l’India è riuscita a far decadere qualcosa come 2000 brevetti farmacologici. Ma la “Rivoluzione” non si è fermata lì: con un lavoro che non stento a definire contemporaneamente santo e monumentale, il Governo Indiano ha costruito una mega-bancadati in cui ha inserito oltre 200.000 proprietà terapeutiche di origine naturale, che ha poi dichiarato di pubblica proprietà, e messo a “disposizione gratuita” della comunità internazionale, in primis dell’ufficio brevetti europeo, che ha cominciato subito e a dir poco “avidamente” a scandagliarla… ( quando uno è ladro, è ladro )…

Però, come ulteriore contromisura alla stronza pirataggine delle multinazionali farmaceutiche, la stessa commissione Indiana, ha provveduto a far tradurre in una mezza dozzina di lingue gli oltre 30 milioni di pagine di documentazione. Lo scopo dichiarato del Governo Indiano è quello di far cadere i prezzi dei farmaci, che oltre ad essere pieni di effetti collaterali, sono basati su principi e conoscenze che finalmente, da oggi, son patrimonio dell’intera Umanità. Questo è il fulgido esempio di come si dovrebbe muovere un vero Libero Governo… Non promuovendo centrali nucleari, non menando le palle a tutti con il destino di una singola persona, non sistemando problemi privati in pubblico o ancor peggio sistemando i problemi/processi delle aziende del Premier con i soldi pubblici, ma regalando il proprio inestimabile patrimonio di conoscenza all’Umanità Intera, e a Difesa dei Diritti della Collettività. Ovviamente questa Notiziona resta e passa in sordina in Italia (dato che la stampa è qui il tappeto rosso dei poteri forti), ma all’estero non è così, la bomba è esplosa, dato che come scritto in precedenza sono già "Saltati" più di 2.000 brevetti in pochissimo tempo, altri 300 sono in discussione e chissà quanti altri decadranno nell’immediato futuro... Ora bisogna darsi una mossa e far circolare queste Vere Notizie, perché è necessario che la gente schiodi il culo, e che corra a documentarsi… Questa banca dati è un Miracolo Assoluto!!!

Ora bisogna darsi una mossa e far circolare queste Vere Notizie, perché è necessario che la gente schiodi il culo, e che corra a documentarsi… Questa banca dati è un Miracolo Assoluto!!! E’ a disposizione dell’Umanità, ed è l’ennesima dimostrazione di come la farmacologia occidentale sia una dei più grossi esempi di sfruttamento della sofferenza umana ai danni dei più per il vantaggio di pochissimi… Ps. Chissà poi cosa succederà ai 150 brevetti esistenti sullo Yoga, dato che nella stessa banca dati stanno per essere codificate oltre 1.500 asanas…

AMICI la PAROLA D’ORDINE è RIVOLUZIONE con L’INFORMAZIONE….

HASTA ALL’ASTA SIEMPRE…
...A POSTERIOR !
Lupo

Reazioni:

5 commenti esagitati e considerazioni varie:

Anonimo ha detto...

veramente grande questo blog

il caone ha detto...

Non ho capito,evidentemente. C'era bisogno di un monumentale lavoro di traduzione dal sanscrito per capire che molte piante hanno proprietà curative,e che sono usate dall'umanità dalla notte dei tempi? bastava interpellare un qualsiasi sciamano tunguso, lo avrebbe spiegato, elencando i rimedi naturali cui da sempre ricorrono lui e i suoi predecessori. D'accordo sulle case farmaceutiche e sulla loro avidità, ma non mi risulta affatto che avessero brevettato direttamente delle piante,impedendone l'uso. Non dubito che questa notizia sia importante, percò c'è qualcosa che non mi è chiaro.

AUTONOMIA-OPERAIA ha detto...

Si vede che di brevetti non sai nulla

il caone ha detto...

non sono un esperto, ma so che i principi naturali non sono brevettabili. Eventuali farmaci di sintesi certamente sì,ma è cosa diversa.

pumas ha detto...

bene , ma sarà dura, le multinazionali venderanno cara la pelle.

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Best WordPress Themes