♣ TEMPLATE IN ALLESTIMENTO... stay tuned ♣

27.10.09

ENERGIA LIBERA - FREE ENERGY: tutto quello che non sapete, tutto quello che i governi non vi dicono (pt.1)

PER COMPRENDERE PIENAMENTE QUESTO ARTICOLO BISOGNA PER PRIMA COSA SAPERE E CONOSCERE CHE COS'E' E DOVE SI TROVA TUTTA LA FREE ENERGY DEL MONDO... MA NON PREOCCUPATEVI SE "NON LO SAPETE" O SE "CREDETE DI NON ESSERE PRONTI", PROVERO' A SPIEGARVELO CON PAROLE "FINALMENTE" COMPRENSIBILI !!!

Dato che oramai sono anni che cavalco l'onda lunga della ricerca amatoriale, e dato che sovente tedio, o stupisco i miei Amici con la descrizione di teorie pseudo-termodinamiche o con calcoli approssimativi di fisica quantistica, non pretendendo ne considerandomi un genio o altro, ma cercando un modo idoneo per la migliore diffusione/comprensione/conoscenza delle Vere potenzialità del genere umano, e dell' ENERGIA LIBERA, ho deciso di Confezionare questo Articolo nella Sicura speranza che moti di Voi lo Apprezzeranno...

Cari Amici, forse sarò un Pazzo ( molti sovente me lo dicono... ma sornionamante ci rido sopra, perchè sò che in parte è vero...), ma da Sempre sono Convinto che poche Persone Possono Cambiare in Meglio il Mondo, ma Serve l'Aiuto e la Comprensione di TUTTI...

Quindi per farla breve e per spiegarvi alcune basi fondamentali,devo risalire nel tempo fino alla fine del decennio 1880...

In quel periodo le riviste commerciali che si occupavano di scienze elettriche prevedevano l'avvento della "free energy" in un futuro ormai prossimo: incredibili scoperte sulla natura dell'elettricità stavano diventando sempre più comuni. Nikola Tesla stava dimostrando la "illuminazione senza fili" ed altre meraviglie associate alle correnti ad alta frequenza. C'era un'eccitazione per il futuro mai vista prima

Entro un ventennio ci sarebbero state le automobili, gli aeroplani, i film, la musica registrata, i telefoni. la radio e macchine fotografiche funzionali. L'era vittoriana stava dando strada a qualcosa di totalmente nuovo; per la prima volta nella storia, la gente comune veniva incoraggiata a immaginare un utopistico futuro pieno di mezzi di comunicazione e di trasporto moderni, nonché di lavoro, abitazioni e cibo per tutti. La malattia sarebbe stata sconfitta, così come la povertà.

La vita stava diventando migliore, e stavolta ognuno avrebbe avuto la sua "fetta di torta"...

E allora cos'è successo??? Nel bel mezzo di questa esplosione tecnologica, dove sono finiti i giganteschi progressi in campo energetico? Tutta questa eccitazione sulla "elettricità gratuita", che si verificò poco prima l'inizio del secoloscorso, era soltanto un'illusione che la "vera scienza" alla fine confutò?

ATTUALE STATO DELLA TECNOLOGIA.
In verità. la risposta alla domanda è "no". Infatti, è esattamente il contrario; insieme agli altri progressi, furono sviluppate spettacolari tecnologie energetiche. Sin da allora, sono stati realizzati molteplici sistemi per produrre grandi quantità di energia a costi estremamente bassi. Tuttavia, nessuna di queste tecnologie è riuscita ad inserirsi nel mercato (cosiddetto) "aperto" come un articolo di commercio. Discuteremo in breve il perché esattamente le cose stiano così, ma prima, desidero descrivervi un breve elenco di tecnologie "free energy delle quali sono attualmente a conoscenza, e che sono state verificate al di là di ogni possibile dubbio. La caratteristica in comune tra tutte queste scoperte è che utilizzano una piccola quantità di una forma di energia per controllare o rilasciare in gran quantità un tipo di energia diverso. Molte di esse, in qualche modo, sfruttano il campo eterico sottostante - una fonte di energia convenientemente
ignorata dalla scienza "moderna".

1. Energia radiante
Il Trasmettitore Magnificante di Nikola Tesla, il Congegno ad Energia Radiante di T. Henry Moray il Motore EMA di Edwin Gray e la Macchina Testatika di Paul Baumann funzionano tutti con "energia radiante". Questa forma di energia naturale (erroneamente definita elettricità "statica")può essere raccolta direttamente dall'ambiente o ricavata dalla normale elettricità tramite il metodo chiamato "frazionamento". L'energia radiante può compiere le stesse meraviglie dell'elettricità tradizionale, ad un costo inferiore all'l%. Tuttavia. essa non si comporta come quest'ultima, e ciò ha contribuito all'incomprensione da parte della comunità scientifica.
La comunità Methernita in Svizzera attualmente possiede cinque o sei modelli funzionanti di congegni autoalimentati senza combustibile. che sfruttano questa energia.

2. Motori alimentati da magneti permanenti.
Il Dr. Robert Adams (Nuova Zelanda) ha sviluppato sbalorditivi progetti di motori. generatori e riscaldatori elettrici funzionanti grazie a magneti permanenti. Uno di questi dispositivi attinge 100 watt di elettricità dalla fonte, genera 100 watt per ricaricarla e produce oltre 140 BTU (unità termica britannica, ndt) di calore in due minuti!
Il Dr. Tom Bearden (USA) possiede due modelli funzionanti di un trasformatore elettrico alimentato da magneti permanenti. Esso utilizza 6 watt di elettricità in ingresso per controllare il percorso di un campo magnetico proveniente da un magnete permanente. Incanalando il campo magnetico, prima verso una bobina in uscita e poi verso una seconda bobina in uscita. e facendolo ripetutamente e rapidamente come fosse un "ping-pong", il congegno può produrre 96 watt di elettricità in uscita. senza componenti mobili. Bearden lo chiama Generatore Elettromagnetico Senza Movimento, o MEC. Jean-Louis Naudin ha riprodotto il congegno di Bearden in Francia. I principi per questo tipo di dispositivo furono divulgati per la prima volta da Frank Richardson (USA) nel I978.
Troy Reed (USA) dispone dei modelli funzionanti di uno speciale ventilatore magnetizzato. che durante la rotazione si riscalda. Per far ruotare il ventilatore è necessaria la stessa quantità di energia. che stia generando calore o meno.
Oltre a questi sviluppi. molteplici inventori hanno identificato meccanismi funzionanti che producono coppia motrice esclusivamente tramite magneti permanenti.

3. Riscaldatori meccanici
Vi sono due classi di macchine che trasformano una piccola quantità di energia meccanica in una gran quantità di calore.
Le migliori di queste configurazioni puramente meccaniche sono dei sistemi a cilindro rotante progettati da Frenette (USA) e Perkins (USA). In queste macchine, un cilindro viene fatto ruotare all'interno di un altro cilindro. con una separazione tra l'uno e l'altro di circa tre millimetri. Lo spazio tra i cilindri è riempito di liquido come acqua od olio, ed è questo "fluido attivo" a scaldarsi quando il cilindro interno ruota.
Un altro metodo utilizza magneti montati su una ruota per produrre grandi correnti vorticose in una piastra di alluminio, provocando il rapido riscaldamento di quest’ultimo. Questi riscaldatori magnetici sono stati dimostrati da Muller (Canada) Adams (Nuova Zelanda) e Reed (USA).
Tutti questi sistemi possono produrre dicci volte più calore dei metodi tradizionali, usando la stessa quantità di energia in ingresso.

4. Elettrolisi super-efficiente
Usando l'elettricità si può scindere l'acqua in idrogeno e ossigeno. I normali testi di chimica affermano che

questo processo richiede più energia di quanta se ne può recuperare quando si ricombinano i gas ( vedi l'anomalia del gas di Brown ). Questo è vero soltanto nei casi peggiori...
Quando l'acqua viene colpita dalla sua stessa frequenza di risonanza molecolare. usando un sistema sviluppato da Stan Meyer ( USA ) o più recentemente dalla Xogen Power. Inc., essa collassa in gas idrogeno ed ossigeno usando pochissima
energia elettrica. Inoltre. usando elettroliti diversi (additivi che migliorano la conduttività elettrica dell'acqua) l'efficienza del processo aumenta notevolmente. E anche risaputo che determinate strutture geometriche e conformazioni superficiali funzionano meglio di altre. Ciò implica che si possono ottenere illimitate quantità di idrogeno combustibile per alimentare motori (come nella nostra macchina) al costo dell'acqua.
Ancor più sbalorditivo è il fatto che nel 1957 Freedman ( USA ) brevettò una speciale lega metallica, la quale scinde spontaneamente l'acqua in idrogeno e ossigeno senza alcun apporto esterno di elettricità e senza provocare alcun mutamento chimico nel metallo stesso. Ciò significa che questa speciale lega metallica può produrre idrogeno dall'acqua, gratuitamente, per sempre.

5. Motori a implosione/vortice.
Tutti i principali motori industriali utilizzano il rilascio di calore per provocare espansione e pressione con cui produrre lavoro, come fa quello della vostra auto. La natura usa il procedimento opposto quello del raffreddamento, per indurre
risucchio e vuoto con cui produrre lavoro, come accade in un tornado.
Viktor Schauberger (Austria) fu Il primo a costruire modelli funzionanti di Motori a Implosione negli anni '30 e '40 del secolo scorso.
Sin da allora. Callum Coats ha scritto esaurientemente in merito al lavoro di Schauberger nel suo libro Living Energies, e di conseguenza un certo numero di ricercatori hanno realizzato modelli funzionanti di Motori a Turbina a Implosione.
Si tratta di motori senza combustibile che producono lavoro meccanico dall'energia ricavata da un vuoto. Vi sono anche schemi molto più semplici. i quali usano i movimenti del vortice per sfruttare una combinazione di gravità e forza centrifuga per produrre un moto continuo nei fluidi.

6. Tecnologia a fusione fredda.
Nel marzo l989, due chimici, Martin Fleischmann e Stanley Pons, della Brigham 'Young University in Utah (USA), annunciarono di aver prodotto reazioni da fusione atomica in un semplice congegno da tavolo( premetto che i primi due ricercatori/scienziati ad aver prodotto sia un congegno simile, sia un effetto identico furono 2 italiani, già nel lontano 1974, ma essi furono "ostacolati/interdetti" nella diffusione della scoperta e nel proseguimento della ricerca dal governo Israeliano, ma non solo da quello ).
Nel giro di sei mesi da quella "riscoperta" ( che valse ai due chimici nel' 89 un Nobel ) le dichiarazioni furono "appositamente" ridimensionate e il pubblico mondiale perse interesse.
Nondimeno voglio sottolineare il fatto ( che molti ignorano ) che attualmente la fusione fredda è davvero una realtà. Non soltanto la produzione di eccesso di calore è stata ripetutamente documentata (anche da Università Italiane indipendenti che l'hanno ampiamente testata, e che tutt'ora ne sperimentano le potenzialità e la sicurezza ) ma è stata anche catalogata la
trasmutazione a bassa energia di elementi atomici, cioè quella parte della ricerca che includeva dozzine di reazioni diverse'. Questa tecnologia può sicuramente produrre energia a basso costo e con un bassissimo impatto ambientale oltre ad essere impiegata in una ventina di altri importanti processi industriali.

7. Pompe di calore assistite dal sole.
lì frigorifero nella vostra cucina è l’unica “macchina free-energy” che possedete al momento. Si tratta di un pompa di calore gestita elettricamente: usa un quantitativo di energia (elettricità) per spostare tre quantitativi di energia (calore).
Ciò gli conferisce un “coefficiente di prestazioni” ( COP) pari all’incirca a tre. Il vostro frigorifero utilizza un quantitativo di energia per pompare tre quantitativi di calore dal suo interno all’esternoi. Questo è il suo tipico uso, però si tratta forse del modo peggiore per sfruttare questa tecnologia, ed ecco il perché.
Una pompa di calore pompa calore dalla “sorgente” dello stesso al “dissipatore” o posto che lo assorbe la “sorgente” del calore ovviamente dovrebbe essere calda e il “dissipatore” del calure ovviamente dovrebbe essere freddo affinché questo processo possa funzionare al meglio. Nel vostro frigorifero avviene esattamente il contrario: la “sorgente” del calore è all’interno del contenitore, che è freddo e il dissipatore del calore è l’aria a temperatura ambiente della vostra cucina la quale è più calda della sorgente. Questo è il motivo per cui. nel vostro frigo il (COP) rimane basso. Ma ciò non vale per tutte le pompe di calore.
Dei COP da s8 a 10 si raggiungono facilmente con pompe di calore assistite dal sole. In un congegno del genere una pompa di calore raccoglie calore da un collettore solare e lo scarica in un grosso assorbente sotterraneo che rimane a circa 13°C; durante il trasferimento viene ricavata energia meccanica. Questo processo è equivalente al motore a vapore che estrae energia meccanica tra la caldaia e il condensatore. eccetto che usa un fluido che “bolle” ad una temperatura molto inferiore a quella dell’acqua.
Un sistema del genere collaudato negli anni ‘70 ( del Secolo scorso ndt ) produsse 350 cavalli misurati su un dinamometro, tramite un motore appositamente progettato, da appena 100 metri quadri di collettore solare. (Questo non è il sistema pubblicizzato da Dennis Lee). La quantità di energia necessaria a far funzionare il compressore (input) era meno di 20 cavalli, pertanto il sistema produceva più di 17 volte l’energia necessaria al suo funzionamento! Potrebbe fornire energia ad un piccolo quartiere dal tetto di un chiosco con vasca d’acqua calda, usando esattamente la stessa tecnologia che mantiene fresco il cibo nella vostra cucina.
Attualmente questo un sistema a pompe di calore di scala industriale realizzato a nord di Koma nelle Hawaii, che produce elettricità dalla differenze di temperatura nell’acqua dell’oceano.
Ci sono dozzine di altri sistemi che non ho citato, ( pochi sanno che l'acqua del mare "bombardata" con particolari onde magnetiche prende fuoco e brucia, producendo un calore ben superiore all'energia usata per "irradiarla"... come daltronde accade alla comune acqua dolce, anch'essa se colpita con onde a bassissima frequenza, pochi mhz, produce un'energia tale da essere ancora poco nota, ma incredibilmente devastante... sulle "potenzialità" dell'acqua avrei pagine e pagine da scrivere, e dato che non ho ne tempo, ne spazio, ve ne parlero' in un'altra occasione... però una cosa ancora la voglio aggiungere, e cioè che l'ACQUA è la fonte d'Energia più Potente che abbiamo sulla terra, e se pensate che quasi l'80% del nostro pianeta è ricoperto da questo element... traete Voi le debite conclusioni... ) molti dei quali sono realizzabili e ben collaudati come quelli che ho appena descritto.
Ma questo breve elenco è sufficiente a chiarire il mio punto di vista: la tecnologia free energy è qui, ora Essa offre al mondo abbondanza di energia non inquinante per chiunque, dovunque.
Adesso è possibile fermare la produzione dei “gas effetto serra” e chiudere tutti gli impianti nucleari. Ora possiamo desalinizzare quantitativi illimitati di acqua marina ad un costo sostenibile e portare adeguatamente acqua dolce sino ai
centri abitati più isolati. I costi di produzione e di trasporto più o meno per qualunque cosa. possono calare drammaticamente. Il cibo potrebbe persino essere coltivato d'inverno in serre riscaldate dovunque.
Tutti questi meravigliosi benefici che possono rendere la vita su questo pianeta molto più facile e migliore per chiunque sono stati rinviati per decenni. Quindi bisogna domandarsi il perché??? Quali fini sono serviti e chi ha avuto "interesse" a che questo rinvio avesse luogo???


appuntamento a domattina presto per la 2° parte...

Lupo

Reazioni:

1 commenti esagitati e considerazioni varie:

Anonimo ha detto...

w l'energia per tutti

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Best WordPress Themes