♣ TEMPLATE IN ALLESTIMENTO... stay tuned ♣

3.9.09

A/H1N1, migliora il paziente di Monza


Il ragazzo di Parma ricoverato all'ospedale San Gerardo di Monza ha sconfitto il virus dell'influenza A ma resta la complicanza dell'infezione polmonare. Lo ha annunciato Luciano Bresciani, assessore alla sanità della Lombardia. Il giovane, che ha 24 anni, rimane però sotto stretta osservazione, a causa soprattutto dell'infezione ai polmoni che potrebbe far insorgere nuove complicanze.
"Il virus è scomparso dal suo organismo, è stato battuto", ha spiegato l'assessore alla Sanità della Lombardia, Luciano Bresciani. "Il successo è stato possibile grazie all'intenso lavoro dei medici e a quello del ragazzo - ha aggiunto -. Non abbiamo perso nessuna delle conquiste fatte nei giorni precedenti".
L'influenza A/h1n1, dunque, è stata debellata, ma il giovane è tenuto ancora sotto stretta osservazione, a causa del sopraggiungere di un'infezione polmonare da Pseudomonas aeruginosa. "Di questo batterio si conosce bene la sensibilità agli antibiotici, ci sono tutti gli strumenti per abbattere il germe, e i sanitari di Monza li hanno già messi in atto", ha spiegato ancora Bresciani. Nel dettaglio, alla terapia antibiotica ad ampio spettro che i medici hanno utilizzato sin da subito, sono stati aggiunti ulteriori antibiotici specifici per combattere le resistenze dello Pseudomonas. "In un percorso come questo siamo passati dal rischio di morte ad una parziale auto-sufficienza respiratoria, anche se le complicanze sono sempre in agguato - ha concluso l'assessore -. Queste tuttavia non ci fanno perdere i segnali di speranza guadagnati nei giorni precedenti: la situazione rimane stabile e non volge verso un peggioramento. Il ragazzo rimane sottoposto a ventilazione assistita e a protezione renale".


Reazioni:

1 commenti esagitati e considerazioni varie:

verdiana ha detto...

secondo me fannop una tragedia per vendere il vaccinazione

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Best WordPress Themes