♣ TEMPLATE IN ALLESTIMENTO... stay tuned ♣

10.7.09

Casale Monferrato tra le 10 città più contaminate d'Italia

ESTENSIONE: 74.325 ettari.

CONTAMINANTI: amianto.

CONTAMINATORI: Eternit (industria del cemento-amianto).

Eternit è il nome commerciale di un materiale brevettato nel 1901: è un fibrocemento, un impasto di cemento e fibra d'amianto, ed è anche il nome dell'industria che lo produceva. Gli stabilimenti Eternit aprirono a Casale Monferrato nel 1907. Si producevano lastre ondulate per i tetti, tubazioni e rivestimenti, tutto in cemento-amianto. Gli operai sbriciolavano e impastavano l'amianto con enormi frantoi, lavorandolo senza alcuna protezione (né consapevolezza dei rischi), immersi in una nube di fibrille. L'impianto di ventilazione espelleva all'esterno l'aria satura di polvere d'amianto e così venne contaminata anche l'intera città. Gli scarti di lavorazione, poi, venivano regalati agli abitanti che, ignari del pericolo, li usarono per consolidare la pavimentazione di marciapiedi e cortili. Nel 1986 la Eternit di Casale dichiara fallimento e chiude le fabbriche, spostando la produzione in altri Paesi (la Slovenia, per esempio) e lasciando il territorio contaminato per chilometri. Grazie a finanziamenti pubblici oggi gli stabilimenti sono stati bonificati ed è in corso lo smaltimento dei manufatti in cemento-amianto disseminati nel territorio. Nel frattempo, però, poiché l'amianto agisce lentamente, i malati e i morti di tumore fra gli ex operai e gli abitanti che lo respirarono continuano ad aumentare.

IL KILLER «Qui a Casale il mesotelioma pleurico e l'asbestosi sono un flagello», racconta Bruno Pesce, della locale Camera del Lavoro. «Ogni anno abbiamo decine di nuovi casi: è una tragedia condivisa dall'intera popolazione.» Gli abitanti di Casale conducono da decenni una battaglia legale perché siano riconosciute ai dirigenti Eternit le responsabilità della contaminazione. Protagonista centrale delle lotte è proprio la Camera del Lavoro: «Siamo un caso più unico che raro di collaborazione tra sindacati, ambientalisti, lavoratori e abitanti», racconta Pesce. «Nel corso degli anni abbiamo subito alcune "sconfitte", ma abbiamo anche ottenuto grandi vittorie. E la battaglia più importante comincia proprio ora, con il maxi processo che il procuratore di Torino Raffaele Guariniello ha intentato contro la ex dirigenza centrale della Eternit: è il primo per "morti bianche" a essere condotto in Europa contro una multinazionale.» L'accusa per i dirigenti è che abbiano consapevolmente causato la morte di 2.000 persone in Italia, di cui quasi 1.500 solo a Casale, nascondendo alle popolazioni le informazioni scientifiche - di cui erano già in possesso - sulla pericolosità delle lavorazioni. E il peggio, secondo gli epidemiologi, è che il picco di mortalità non è ancora stato raggiunto.

A CHE PUNTO SIAMO? Casale Monferrato è un sito contaminato di interesse nazionale dal 1998. «Fino a oggi è stato demolito e bonificato il nucleo centrale degli stabilimenti Eternit e bonificata una discarica di cemento-amianto abbandonata sulla riva del Po», riassume Ferdinando Albertazzi, direttore dell'Ufficio ambiente del Comune. Il compito più difficile, però, è recuperare e smaltire i manufatti in cemento-amianto disseminati nel territorio: a questo scopo sono stati predisposti un servizio per il ritiro e lo smaltimento dell'amianto e un centro informazioni sulle procedure di bonifica [vedi]. Presto Casale Monferrato sarà il Comune d'Italia più ripulito dall'amianto. In Italia sono molte le associazioni e i comitati che si impegnano per informare sui rischi da esposizione all'amianto e perché sia riconosciuta giustizia alle vittime. A Casale sono attive l'Associazione familiari vittime dell'amianto e l'Associazione italiana esposti amianto.


give thanx Casalese anonimo (first post)


Reazioni:

5 commenti esagitati e considerazioni varie:

verdiana ha detto...

è uno scempio

Sandra ha detto...

che vergogna... e casale è vicino a noi... sono cose che tutti sapevamo già ... purtroppo...

Anonimo ha detto...

UN POST, VERAMENTE IMPORTANTE E ALTAMENTE TOKKANTE ... DOVEVAMO OKKUPARCI PRIMA DI QUESTO GRAVE PROBLEMA ... L'ABBIAMO SEMPRE SFIORATO MA NON SIAMO MAI ENTRATI NEL PARTIKOLARE ... PROMETTO KE PRESTO PREPARERO' UN ART.LO KE FARà KIAREZZA SULLE FASI PROCESSUALI,KON RELATIVI RISARCIMENTI,ECC ...
PER ORA RINGRAZIO/AMO CALOROSAMENTE L'AMICO CASALESE KE CI HA SEGNALATO IL POST ... GRAZIE DA PARTE DELLO STAFF E DA TUTTI I LETTORI DI MAVAFFANCULP... LUPO

EL POLA ha detto...

cmq sempre forza grigi!!

Jane Lane ha detto...

Apposto siamo, eravamo, saremo.

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Best WordPress Themes