♣ TEMPLATE IN ALLESTIMENTO... stay tuned ♣

31.7.09

Alpaca - Vicugna pacos

L'alpaca (chiamato fino a poco tempo fa Lama pacos) è una delle due specie domestiche di camelidi diffusa in Sudamerica, l'altra è il lama. All'aspetto ricorda molto una pecora, anche se rispetto ad essa ha dimensioni maggiori e un collo molto lungo. L'Alpaca è un ruminante, possiede tre stomaci per la digestione della fibra. In media ogni animale mangia circa un kilogrammo di vegetali al giorno e come tutti i camelidi non ha bisogno di grandi quantità di acqua. Esistono due razze di Alpaca: la razza Huacaya e la razza Suri, rappresentando quest'ultima solo l'1% della popolazione degli alpaca nel mondo. Il piccolo dell'alpaca si chiama cria e le femmine danno alla luce un solo cria all'anno perché il loro periodo di gestazione è di circa 11 mesi e mezzo.
Quando i nomi scientifici furono assegnati ai camelidi sud americani, tra il 18° ed il 19° secolo, si ritenne l'Alpaca un discendente del lama ignorando però la forte somiglianza di stazza, altezza e qualità della lana con la
vigogna. Molte difficoltà di classificazione furono dovute anche al fatto che le quattro specie si possono incrociare e creare una prole fertile. Una classificazione corretta fu possibile solo dopo l'avvento delle nuove tecnologie che con le analisi del dna scoprirono nel 2001, con la presentazione di una ricerca fatta da Jane Wheeler per la Royal Society of London for the Improvement of Natural Knowledge, che l'alpaca deriva dalla vigogna e non dal guanaco. Gli esami del dna confermarono ipotesi discusse per molti anni e il nome scientifico dell'alpaca fu cambiato da Lama pacos a Vicugna pacos.
Gli Alpaca sono allevati in grandi greggi che pascolano ad una altitudine compresa fra i 3500 e i 5000 metri sulle
Ande del Peru meridionale, della Bolivia settentrionale e del nord del Cile. Al contrario dei lama, gli alpaca sono allevati non per farne animali da soma ma per la loro lana pregiata, utilizzata per tessere coperte e ponchos. Gli alpaca vengono tosati una volta all'anno, in primavera. Un alpaca femmina produce circa 2,5 kg di lana, mentre un alpaca maschio può arrivare a produrre anche 4 kg di lana all'anno. La lana del cria è quella più pregiata per la brillantezza e per la leggerezza. La lana di alpaca non contiene lanolina, non infeltrisce e non dà allergie.
Negli ultimi anni l'allevamento degli alpaca si è diffuso anche in Europa, un po' in tutti i Paesi, perché è un animale che si adatta bene a climi diversi. In Italia sono presenti allevamenti di Alpaca, gli allevatori traggono profitto soprattutto dalla vendita della lana la cui richiesta è elevata, ma anche dalla vendita degli animali a chi decide di intraprendere un allevamento di Alpaca a sua volta. In Italia è stata fondata da qualche anno l'associazione
italpaca, alla quale fanno riferimento tutti gli allevatori di Alpaca italiani, che ha creato anche un registro anagrafico con lo scopo di far rientrare l'allevamento di Alpaca tra le attività agricole anche a livello legislativo.
La lana dell'animale può assumere ben 22 colorazioni naturali diverse, molte in meno del lama. Come quest'ultimo anche l'Alpaca ha l'abitudine di sputare.



Reazioni:

0 commenti esagitati e considerazioni varie:

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Best WordPress Themes