♣ TEMPLATE IN ALLESTIMENTO... stay tuned ♣

27.5.09

condizionatori amici dell'estate

L’estate si annuncia lunga e rovente. Che fare, per trovare scampo dal grande caldo, se non attaccare il condizionatore? In casa, in ufficio e in auto il fresco artificiale è ormai il grande amico dei mesi più caldi, almeno finché non ci si può trasferire al mare o in montagna, dove le temperature sono più sopportabili o almeno dove il calore del solleone può essere associato... al dolce far niente. Per questo, anche in tempi di ristrettezze economiche, le vendite di condizionatori non conoscono crisi.
Forse non tutti sanno che l’apparecchio per raffrescare l’aria ha visto la luce nel luglio del 1902 per opera di Willis Carrier, ingegnere americano della Buffalo Forge Company, un'azienda che produceva componenti per impianti termici, industriali e civili. Carrier fu incaricato dalla sua azienda di controllare l'umidità dell'aria perché i livelli di temperatura e di umidità eccessivi erano diventati fattori che riducevano la produttività dei lavoratori: nel caso di grandi spazi, come fabbriche e magazzini, costringevano in alcuni casi a rallentare o addirittura interrompere l'attività. L'aria condizionata era diventata, infatti, un'esigenza economica.
Il primo stabilimento a sperimentare il condizionatore fu una tipografia, ma in breve il suo uso si diffuse in altri stabilimenti: industrie tessili, chimiche e calzaturifici. Alla fine, nel 1928, Carrier fu chiamato a Washington dal Congresso per installare impianti di condizionamento al Campidoglio, sede del Congresso.


La macchina ormai ha assunto varie forme, tutte ormai molto familiari: da parete, da soffitto, mobile, fisso, monosplit, multisplit, e l’offerta è sterminata: digitando sul motore di ricerca Google la parola “condizionatori”, appaiono ben 869.000 pagine. I condizionatori d'aria non sono più un prodotto che si vende solo d’estate, ma in tutti i periodi dell’anno. Ormai le case di nuova costruzione o quelle che vengono ristrutturate prevedono quasi sempre l'installazione di un impianto di condizionamento e anche i costi degli apparecchi si sono fatti più abbordabili.

Per usare correttamente il condizionatore e per ottenere i massimi vantaggi senza sprecare corrente elettrica è bene osservare queste regole:

1) - Chiudiamo le porte e le finestre quando c'è l'aria condizionata.
2) - Fissiamo il termostato a non più di 3-4 gradi meno rispetto alla temperatura esterna
3) - Dopo aver raffreddato il nostro ambiente, regoliamo l'apparecchio sulla deumidificazione se disponibile: miglioreremo il nostro benessere con un notevole risparmio di energia.
6) - Chiudiamo l'aria condizionata quando usciamo di casa.
8) - Provvediamo a che i filtri degli apparecchi di condizionamento siano cambiati o puliti regolarmente.

Reazioni:

3 commenti esagitati e considerazioni varie:

Anonimo ha detto...

grazie mavaffanculp... ora pero' voglio un po' di "notizie" sulle pompe di calore ke creano anke aria fredda... sulla geotermia, e sul tele riscaldamento...
io, conosco queste teknologie, ma i piu' sono digiuni di questi argomenti...
firmato... un ulatore

B@rchilson ( Infiltrato Camera*M@n ) ha detto...

è vergognoso come vengono utilizzati di solito i condizionatori...tanto come d'inverno è assurdo come si sprecano risorse per il riscaldamento !!

jessy ha detto...

colpa del clima
...pollon...

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Best WordPress Themes