♣ TEMPLATE IN ALLESTIMENTO... stay tuned ♣

8.4.09

costruirsi un pannello solare

Chris van der Zwaal è un olandese che ha ideato un sistema per autocostruirsi un pannello solare. La sua prima mossa è stata quella di procurasi le celle solari acquistandole usate su ebay. Le prime 100 le ha pagate 300 euro. Poi ha proseguito la ricerca per acquistarne altre e sempre su eBay ne ha trovate 500. E racconta:

Ebbene ho deciso di acquistare 500 celle, un mix di 3 diverse qualità. Il venditore non aveva contato queste celle, ne erano circa 620, ridotte a 500, in discreto stato, dopo una prima selezione. Non è un pessimo affare per iniziare. E molto meno costoso!

Per proteggere il pannello dall’acqua e dal vento deve anche progettare una doppia protezione in vetro. Scrive Chris:

La soluzione più conveniente per me è fare un doppio vetro costruzione e mettere le celle tra le due lastre.Il pannello è costituito da 12 celle, ciascuna da 0,55 Volt.
Ha collegato ogni cella con fili elettrici viola così potrà
misurarne singolarmente l’efficienza. Nota Chris che la saldatura gli porta via un po’ di tempo e che richiede un po’ di pratica. Dopo un po’ di giorni riesce a montare il pannello ed è pronto per testarlo al timido sole olandese.

Dice Chris:

Finalmente il sole splendeva (non molto sole qui all’inizio di febbraio) e ho poturo fare la prima misurazione: 15,5 Watt. Secondo le specifiche, il pannello deve dare un massimo di 12 W x 1,75 = 21 Wp. Tenuto conto del fatto che il vetro toglie il 10% circa della potenza, senza il vetro sarebbe stato di circa 17 Watt. Mi aspetto che durante l’estate con il sole più alto all’orizzonte ci sarà una potenza maggiore … Sto usando vetri normali da 4 mm (0,16 pollici) perché costa poco. Se ci si guarda intorno ci sono molti posti in cui le lastre di vetro sono disponibili, come le case vecchie e dove il vetro lo si può ottenere gratuitamente…

Un po’ di’ problemi Chris li ha riscontrati per l’eccessivo riscaldamento del pannello. Secondo lui una possibile soluzione potrebbe essere quella di diminuirne le dimensioni. Tra l’altro incollare i vetri ha usato una colla professionale, ma sembra non sia stata molto utile.

Dunque, Chris per il suo secondo pannello studia una serie di miglioramenti per la chiusura del vetro. Dice Chris:

Una soluzione al problema della temperatura può anche essere quello di rendere il divario tra le 2 lastre di vetro più piccolo. Così il calore viene dissipato in maniera più omogenea sia nella parte anteriore sia posteriore (quindi migliora anche la capacità di raffreddamento). La distanza, tra le due lastre di vetro nel secondo pannello è ora di 1,5 mm (0,059 pollici) e così ho reso anche il sistema di chiusura molto più facile e quindi migliore.

Con questo sistema di riciclo a Chris un pannello è costato 1 ,20 euro per Wp (o addirittura anche meno…).


Reazioni:

6 commenti esagitati e considerazioni varie:

Mario ha detto...

ma sono sulle Rubriche?

buona giornata di merda a tutti

B@rchilson ( Infiltrato Camera*M@n ) ha detto...

grande itos...ho cercato anche io qualcosa del genere....su youtube qualcosina c'è ma sopratutto per autocostruirsi un mulino a vento !!!

verdiana ha detto...

mitico

Anonimo ha detto...

secondo me...questo per ra è il post dell'anno...in kulo a berluskoni e al nukleare

cecca ha detto...

mah....difficilino...

Jane Lane ha detto...

Non male, se sei anche un po' elettricista...

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Best WordPress Themes