♣ TEMPLATE IN ALLESTIMENTO... stay tuned ♣

3.10.08

effetti collaterali del divieto di fumo nel mondo

Anche se le leggi antifumo si stanno moltiplicando ovunque nel mondo, non sempre riescono a ridurre il consumo di tabacco. Hanno spesso degli effetti collaterali indesiderati su altri settori di attività. A seguire una panoramica di questi effetti.
Regno unito
D’inverno i fumatori preferiscono bersi la birra a casa
L’inverno passato ha “congelato” le vendite di birra nei pub e bar inglesi che hanno servito il 10% in meno di pinte di birra. Probabilmente perché ormai i fumatori preferiscono rimanere a casa dove possono fumare.
Crollo del fatturato proveniente delle slot machine
Le vendite complessive nei pub inglesi e gallesi sono scese del 7% dall’entrata in vigore del divieto di fumo. Secondo i titolari dei pub, la misura antifumo ha fortemente danneggiato i ricavi provenienti dalle slot machine che hanno registrato un crollo del 10%. Oltre il 58% dei titolari intervistati dalla Federation of Licensed Victuallers’ Associations dichiarano che ormai i fumatori rimangono poco tempo nei loro locali. Va meglio per coloro che hanno investito in attrezzature adeguate per accogliere gli “aficionados” del tabacco.
I pub alzano il biossido di carbonio nell’atmosfera
Quando fa freddo bisogna riscaldare i clienti fumatori che rimangono fuori dai locali. Per questo motivo, molti pub inglesi hanno investito nei riscaldamenti esterni. Secondo uno studio realizzato sa Market Transformation, questi nuovi impianti hanno però un impatto ambientale negativo in quanto producono quantità enormi di biossido di carbonio.
La Market Transformation prevede che i pub e ristoranti inglesi incrementeranno l’emissione di questo gas di oltre 22mila tonnellate nel 2008, in quanto i riscaldamenti rimangono accesi 237 giorni l’anno…
Finlandia
Settore alberghiero: crollo dei posti di lavoro
Secondo un’indagine realizzata dall’Associazione Finlandese degli alberghi e ristoranti, le vendite nei pub e ristoranti sono crollate di oltre il 30% dall’entrata in vigore, nel 2007, del divieto di fumo. Di fronte a tale crollo economico del settore, molti titolari sono stati costretti a licenziare il personale. I posti di lavoro nei ristoranti sono così scesi del 15% nell’arco di tre mesi!
Stati Uniti
Columbia-Missouri:
si va meno al ristorante
Anche negli Stati Uniti, paese in cui solo il 16% della popolazione fuma, succede che i fumatori evitino di frequentare i luoghi esclusivamente “no-smoking”.
La città di Columbia nel Missouri, ha voluto conoscere l’impatto del divieto di fumo nei pubblici esercizi entrato in vigore nel 2007.
I ristoranti hanno mediamente registrato un calo del 5%, ma per alcuni, dove i fumatori rappresentavano l’80% della clientela, il crollo è stato di oltre il 30%
Francia
Vendite di Gratta e Vinci al ribasso
Le “profezie” di Le Pape, Presidente Nazionale dei Tabaccai francesi, fatte un anno fa, si stanno verificando. Le Pape aveva previsto che il divieto di fumo nei locali pubblici avrebbe fatto crollare le attività di almeno il 30%.
Un mese dopo l’entrata in vigore del divieto di fumo, nei bar-tabacchi, l’insieme delle attività è crollato di circa il 35%. Un 25% in meno di consumazioni al bar ed un ribasso del 10% sulla vendita dei Gratta e Vinci.
Meno giocatori nei casinò francesi
Neanche i casinò francesi sono soddisfatti di questa nuova legge antifumo in vigore in Francia dall’inizio di quest’anno. I 200 casinò francesi hanno già notato, nell’arco di due mesi, che molti clienti rimangono meno tempo nelle sale da gioco, perché non possono fumare mentre giocano.
Secondo Casinò di Francia, il Sindacato del settore, il prodotto lordo dei giochi è crollato del 14% e se la tendenza dovesse confermarsi, verrebbero tagliati molti posti di lavoro. I casinò francesi impiegano circa 10.000 dipendenti.
Meno giovani nelle discoteche di frontiera
I giovani francesi che vivono al confine di un paese in cui si può fumare in discoteca, non si fanno pregare due volte per andarci. Dall’inizio dell’anno, sono molti i ragazzi che vanno a ballare in Spagna o in Belgio. In effetti, le discoteche francesi ubicate al confine di questi due paesi, hanno registrato un crollo del 20% delle entrate.


give thanx Verdiana
Reazioni:

1 commenti esagitati e considerazioni varie:

Anonimo ha detto...

l'unico modo per non far fumare le persone è ammazzarle ma per fortuna non lo fanno altrimenti adesso ero morta
g

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Best WordPress Themes